domenica, Giugno 16, 2024

Addio Italcementi, lo storico marchio italiano diventa Heidelberg Materials

Must read

L’industria dei materiali da costruzione è in fermento, caratterizzata da una metamorfosi senza precedenti, mentre Italcementi, una pietra angolare del comparto italiano, con oltre un secolo e mezzo di storia, abbraccia un nuovo futuro come parte di un titanico conglomerato globale, Heidelberg Materials.

L’annuncio ufficiale del passaggio di Italcementi sotto il brand di Heidelberg Materials non è solo una mera trasformazione di identità, ma simboleggia un’evoluzione radicale verso soluzioni costruttive più sostenibili e orientate al futuro. Un colosso che si estende su 3.000 siti di produzione in oltre 50 nazioni, Heidelberg Materials non è solo un gigante industriale, ma aspira a ridefinire il concetto stesso di cemento e materiali da costruzione tradizionali.

La decisione di adottare il nuovo nome è stata preceduta da sette anni di preparazione e da un investimento massiccio di circa 250 milioni di euro per rivoluzionare prodotti e processi. “Questo cambiamento rappresenta una pietra miliare nella nostra storia,” ha sottolineato l’amministratore delegato di Italcementi, Roberto Callieri. Tale mossa strategica non è limitata al mero cambio di denominazione, ma coinvolge anche un cambio di guida. Callieri infatti assumerà la responsabilità per l’Asia, mentre Stefano Gallini prenderà le redini della divisione italiana.

Roberto Callieri diventa responsabile Asia della capogruppo HeidelbergCement

Ma non è tutto. La trasformazione va oltre l’identità aziendale e si trasferisce nella sede, che si sposterà dall’attuale ubicazione nel Kilometro Rosso di Bergamo all’Innovation Campus di Peschiera Borromeo, a Milano. Questo nuovo centro non solo offrirà vantaggi logistici, ma sarà un faro per attrarre giovani talenti e nuove competenze, necessarie per affrontare l’evoluzione in atto.

L’innovation Campus di Peschiera Borromeo

L’industria del cemento è sotto la lente d’ingrandimento per ridurre le emissioni di CO2. Heidelberg Materials ha dichiarato obiettivi audaci, quali ridurre del 50% le emissioni di CO2 entro il 2030 e raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050. Tecnologie all’avanguardia come la Carbon Capture and Storage (CCS) e la Carbon Capture and Utilization (CCU) saranno fondamentali per raggiungere tali traguardi, rivoluzionando il modo stesso di produrre il cemento.

L’unione tra Italcementi e Heidelberg Materials non è quindi soltanto la fusione di due entità, ma si prospetta come prologo di una nuova era per il settore dei materiali da costruzione, una fase in cui sostenibilità, innovazione e adattamento a nuove sfide saranno le chiavi per il successo. È un invito a guardare al futuro della costruzione non solo con occhi attenti ma con una prospettiva critica, consapevoli dell’urgenza di una trasformazione che non solo cambierà i materiali che costituiranno l’edilizia del futuro, ma plasmerà il mondo che ci circonda.

In Primo Piano

Stefano Gallini è il nuovo presidente di Federbeton

Federbeton (Confindustria) ha nominato il suo nuovo presidente. A prendere il timone della federazione nazionale che rappresenta le associazioni e le imprese delle filiere...
EDA Convention 2024

EDA Convention 2024, a Belgrado il punto su demolizione e riciclaggio in Europa

Inaugurata ieri con una prima giornata di workshop, presentazioni, momenti di networking e l'annuale assemblea generale dei membri, la Convention 2024 dell'associazione EDA (European...
Atecap Consiglio Generale

Atecap, eletto il nuovo Consiglio Generale

Va nel segno della parola chiave "partecipazione" il presente e il futuro di Atecap - Associazione tecnico economica del calcestruzzo preconfezionato, facente parte di...

Latest articles

Stefano Gallini è il nuovo presidente di Federbeton

Federbeton (Confindustria) ha nominato il suo nuovo presidente. A prendere il timone della federazione nazionale che rappresenta le associazioni e le imprese delle filiere...
EDA Convention 2024

EDA Convention 2024, a Belgrado il punto su demolizione e riciclaggio in Europa

Inaugurata ieri con una prima giornata di workshop, presentazioni, momenti di networking e l'annuale assemblea generale dei membri, la Convention 2024 dell'associazione EDA (European...
Atecap Consiglio Generale

Atecap, eletto il nuovo Consiglio Generale

Va nel segno della parola chiave "partecipazione" il presente e il futuro di Atecap - Associazione tecnico economica del calcestruzzo preconfezionato, facente parte di...

More articles

2025 Settanta Laurini

“Nata per demolire”, nel 2025 arriva Settanta by Laurini

L'annuncio arriva attraverso le pagine social del fondatore (e CEO) della Laurini Officine Meccaniche, Marco Laurini, ed ha già destato molta curiosità e attenzione...

Layher protegge la Porziuncola nella “dimora degli angeli” ad Assisi

L’opera provvisionale firmata Layher è stata scelta per proteggere la Porziuncola, importante patrimonio di spiritualità, storia e arte, durante i lavori di messa in...

Nolo 2000, un Open Day che vale 25 anni

25 anni al servizio del lavoro in quota, del sollevamento in cantiere e delle costruzioni nazionali. Il compleanno di Nolo 2000, grande protagonista emiliano del noleggio, si è celebrato al...

Tag