lunedì, Gennaio 17, 2022

Ispra: in Italia il recupero dei materiali da demolizioni è al 78,1%

Must read

La rete ferroviaria Adriatica si potenzia grazie a una nuova galleria

Rete Ferroviaria Italiana ha annunciato l'apertura della linea adriatica ai treni con sagoma P80 da Bologna a Lecce, grazie all'apertura di una nuova galleria...

Grandi opere, sbloccate dai commissari altre 44 infrastrutture

Era attesa con impazienza e ieri è finalmente arrivata, la seconda lista di grandi opere commissariate straordinari dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità...

PANOLIN HLP SYNTH 46 entra nella prestigiosa Fluid Rating List 90245

PANOLIN HLP SYNTH 46 è stato inserito nel Fluid Rating List 90245 di Bosch Rexroth, come avvenuto per PANOLIN HLP SYNTH 32 nel 2017....

A Piacenza premiati i vincitori degli ICTA – Italian Concrete Technology Awards

Nella serata di ieri, venerdì 9 novembre, nella splendida cornice della Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni di Piacenza, si è tenuta la cena...

In Italia il riciclo dei rifiuti speciali va molto bene. Si recupera materia dal 69% dei rifiuti avviati a gestione, mentre solo il 7,3% è smaltito in discarica. Il recupero è molto efficiente soprattutto su quelli da demolizione e costruzione, per i quali l’Italia, con un 78,1% si attesta sopra l’obiettivo europeo di recupero (70% entro il 2020). Meno bene per i veicoli fuori uso, per i quali siamo al di sotto di quanto richiesto dall’Europa in termini di recupero totale del veicolo (84,2% a fronte di un target UE del 95%). Lo rivela il 20° Rapporto Rifiuti Speciali, lo strumento che fornisce, a livello nazionale, un quadro di informazioni oggettivo, puntuale e aggiornato sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Il Rapporto, predisposto dal Centro Nazionale dei rifiuti e dell’economia circolare di Ispra, in collaborazione con il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, esamina oltre 60 indicatori elaborati a livello nazionale, di macroarea geografica e regionale, nonché per attività economica e per tipologia di rifiuto.

Con 10,5 milioni di tonnellate in più prodotte nel 2019, in linea con la crescita del PIL, la produzione di rifiuti speciali in Italia sfiora la cifra di 154 milioni di tonnellate. Il 45,5% è costituito dai rifiuti provenienti dal settore delle costruzioni e demolizioni (oltre 70 milioni di tonnellate). 

A gestire e produrre la maggior parte dei rifiuti speciali in Italia sono le regioni del Nord dove il tessuto industriale è più sviluppato: 88,6 milioni di tonnellate (57,6% del dato complessivo nazionale) sono prodotti in quest’area del Paese e oltre la metà degli impianti di gestione operativi si trova al Nord. Soprattutto in Lombardia, dove sono localizzate 2.180 infrastrutture, il 20,1% del totale nazionale.

I dati 2019, relativi alla situazione pre-pandemia, saranno utilizzati nella programmazione da mettere in campo in vista della ripartenza che attende il Paese grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Per il direttore generale dell’ISPRA Alessandro Bratti “Il Pnrr rappresenta un’ulteriore occasione per migliorare la nostra capacità di recupero dei materiali cercando di incrementare le prestazioni anche energetiche in campo edilizio. Occorre potenziare e migliorare l’impiantistica per raggiungere gli obiettivi europei e per proporci sempre di più come leader a livello europeo nell’economia circolare”.

In Primo Piano

Casseforme in schiuma stampate in 3D riducono l’uso di calcestruzzo

I ricercatori del Digital Building Technologies (DBT) dell’ETH di Zurigo, in collaborazione con la start-up svizzera FenX AG, stanno utilizzando la stampa 3D in schiuma (F3DP) per produrre...

Atecap aggiorna il format della Scheda Dati di Sicurezza

Atecap (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato) ha aggiornato il format della Scheda dei Dati di Sicurezza (SDS) del calcestruzzo, strumento che ha la...

In arrivo 450 milioni di euro per la messa in sicurezza di edifici e...

Con il DM 8 gennaio 2022, il Ministero dell'Interno ha definito le modalità con cui i Comuni possono richiedere i contributi per la realizzazione...

Latest articles

Casseforme in schiuma stampate in 3D riducono l’uso di calcestruzzo

I ricercatori del Digital Building Technologies (DBT) dell’ETH di Zurigo, in collaborazione con la start-up svizzera FenX AG, stanno utilizzando la stampa 3D in schiuma (F3DP) per produrre...

Atecap aggiorna il format della Scheda Dati di Sicurezza

Atecap (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato) ha aggiornato il format della Scheda dei Dati di Sicurezza (SDS) del calcestruzzo, strumento che ha la...

In arrivo 450 milioni di euro per la messa in sicurezza di edifici e...

Con il DM 8 gennaio 2022, il Ministero dell'Interno ha definito le modalità con cui i Comuni possono richiedere i contributi per la realizzazione...

More articles

Agritechnica cancellata. Allarme grandi fiere per il ritorno della pandemia

“A causa dell’aggravarsi della situazione pandemica e delle attuali normative ufficiali, le condizioni per ospitare una fiera leader mondiale delle macchine agricole non sono...

38.000 km di fili d’acciaio per il ponte sospeso che attraversa il Danubio

Il montaggio dei due cavi portanti del Ponte di Braila, in Romania, ha raggiunto oltre il 59% dell'avanzamento complessivo dei lavori. Si tratta del secondo...

Impianti di vagliatura di nuova generazione Kleemann

Il nuovo MOBISCREEN MSS 802(i) EVO di Kleemann è un potente impianto di vagliatura mobile, progettato per affrontare le sfide mutevoli in diversi campi...

Tag