domenica, Giugno 4, 2023

Leca e calce naturale per il recupero del Castello di Sarmato

Must read

La rete ferroviaria Adriatica si potenzia grazie a una nuova galleria

Rete Ferroviaria Italiana ha annunciato l'apertura della linea adriatica ai treni con sagoma P80 da Bologna a Lecce, grazie all'apertura di una nuova galleria...

Gruppo Bonfiglioli: “Superato un miliardo di fatturato: due milioni in sostenibilità e solidarietà”

In questo mese di dicembre, il Gruppo Bonfiglioli ha superato la soglia di un miliardo di euro di fatturato. Per celebrare questo traguardo importante,...

Al Bauma la nuova betoniera autocaricante Carmix 45FX

All’edizione 2019 del Bauma, Metalgalante presenta in anteprima Carmix 45 FX, la nuova macchina che si unisce ai modelli Carmix 25FX e Carmix ONE...

IL PIU’ GRANDE GETTO DI CALCESTRUZZO IN CONTINUO D’EUROPA PER IL NUOVO ISTITUTO “GALEAZZI” DI MILANO

Un altro record a livello europeo legato al mondo del calcestruzzo è stato stabilito in Italia. Si tratta del getto della più grande piastra...

Nella bassa Val Tidone a pochi chilometri da Piacenza, si trova il Castello di Sarmato, presidio Longobardo eretto verso l’anno mille.

Importante avamposto, nella funzione strategica di difesa dei territori piacentini (di fazione guelfa) dall’attacco dei pavesi (ghibellini), con una delle prime battaglie documentate risalente al 1216, questa fortezza è stata al centro delle vicende storiche del feudo di Sarmato: venduto nel 1363 alla famiglia Seccamelica per conto di Galeazzo Visconti, signore di Milano, passò poi alla famiglia Scotti e brevemente a quella degli Arcelli, conti della Val Tidone; arrivò quindi nelle mani di Luigi Dal Verme (alleato di Milano e parente dello Sforza) per tornare nel 1493 alla famiglia Scotti Douglas fino al 1819 quando, con la scomparsa dell’ultimo discendente maschio, passò agli eredi conti Zanardi Landi di Veano. 

Dal punto di vista architettonico, l’edificio era in origine a pianta rettangolare, in seguito modificata ad U. Il complesso, rivolto verso nord e affacciato sull’antico letto del Po, è stato interamente edificato in laterizio. È circondato da mura, ancora oggi ben evidenti, che in passato erano contornate da un fossato. Ampliato e trasformato in residenza signorile dai conti Scotti Douglas prima e dai conti Zanardi Landi poi, è dotato di un parco all’italiana racchiuso all’interno delle mura. Il corpo di fabbrica è affiancato da una torretta di segnalazione a base pentagonale irregolare, che costituisce un unicum nell’architettura difensiva del Ducato di Parma e Piacenza.

Il Castello di Sarmato è tuttora residenza dei conti Zanardi Landi, attuali proprietari che hanno iniziato un lavoro di graduale recupero e valorizzazione. 

Coerentemente con le migliori tecniche di restauro e con le indicazioni della locale Soprintendenza, gli interventi hanno rivolto attenzione in particolare alla compatibilità materica storica e alla conservazione strutturale. In questo quadro si sono collocati perfettamente i materiali a base di argilla espansa Leca, che con le doti di leggerezza, potere isolante, resistenza e ed ecocompatibilità si sono distinti nelle lavorazioni di riqualificazione e riempimento delle volte. 

L’esigenza era quella di riempire le volte del sottotetto con un materiale che fosse rispettoso della storicità dell’edificio dal punto di vista della compatibilità materica, per rispondere all’istanza della Sovrintendenza che chiedeva di utilizzare un materiale naturale e rispettoso dell’esistente. L’edificio è infatti sottoposto ai vincoli della Sovrintendenza e sotto la tutela delle Belle Arti, quindi era importante scegliere un materiale che utilizzasse la calce come legante, un prodotto compatibile, traspirante, adatto alla muratura esistente.

Riempimento delle volte con Sottofondo leggero NHL 3.5 

Allo stesso tempo, c’era la necessità di utilizzare un materiale leggero – poiché le strutture esistenti, sulle quali non si voleva gravare ulteriormente, si presentavano anche con spessori elevati – e allo stesso tempo in grado di garantire un elevato isolamento termico, che permettesse di realizzare uno strato divisorio tra un ambiente freddo (il sottotetto) e l’ultimo piano del castello, riscaldato e abitato.

A queste esigenze Laterlite ha risposto con Sottofondo Leggero NHL,predosato a base di pura calce idraulica naturale NHL 3.5. Sottofondo Leggero NHL è particolarmente adatto a questo contesto applicativo e in generale per la realizzazione di strati di alleggerimento, sottofondi, compensazione e isolamento termico, e per riempimenti di archi e volte, anche ad alto spessore, nel recupero storico-architettonico.

Sottofondo Leggero NHL fa parte della nuova linea NHL CentroStorico, gamma di soluzioni a base argilla espansa Leca e calce idraulica naturale NHL 3.5 specificatamente sviluppate per il recupero, la ristrutturazione e il consolidamento degli edifici esistenti in particolare di interesse storico e artistico. 

La linea di prodotti presenta caratteristiche tecniche eccezionali ed è spiccatamente votata per essere utilizzata in tutti quei contesti dove la compatibilità con i materiali da costruzione storici è un requisito fondamentale, nel restauro e in bioedilizia. 

La calce naturale presenta una porosità interconnessa che assicura una maggiore traspirabilità, favorendo il passaggio di acqua sotto forma di vapore: soluzioni a base calce idraulica naturale preservano quindi la natura chimica dell’opera muraria, e sono particolarmente indicate per interventi su murature antiche e con un sensibile valore storico e artistico, come nel caso del Castello di Sarmato. 

Se da un lato le proprietà della calce idraulica naturale sono determinanti, non è da meno l’importanza della presenza nella miscela dell’argilla espansa Leca che conferisce al predosato le sue note proprietà di leggerezza e isolamento termico.

Sottofondo leggero NHL, fornito dalla rivendita edile Zeppi di Piacenza, è stato fornito in sacchi e, per una messa in opera veloce e pratica, è stato pompato al piano nella quantità di 35 m3.

In Primo Piano

Waterfront di Levante, allagati i canali attorno al Padiglione B

Nella città di Genova proseguono celermente i lavori del Waterfront di Levante, progetto presentato dal celebre architetto Renzo Piano per migliorare la zona della...

Domani parte l’energia di Hydrogen Expo. Tutti i convegni di Piacenza

Si aprono domani mattina, 17 maggio (e rimarranno aperti fino a venerdì 19) i cancelli della Fiera di Piacenza per Hydrogen Expo, la più importante fiera italiana dedicata all’idrogeno, con...

“Mireille” ha completato lo scavo. Festa a Sevran per la TBM di Webuild

Webuild e il partner francese NGE hanno completato l’ultimo breakthrough di “Mireille”, la TBM (Tunnel Boring Machine) che ha scavato una delle gallerie della Linea 16 del Grand...

Latest articles

Waterfront di Levante, allagati i canali attorno al Padiglione B

Nella città di Genova proseguono celermente i lavori del Waterfront di Levante, progetto presentato dal celebre architetto Renzo Piano per migliorare la zona della...

Domani parte l’energia di Hydrogen Expo. Tutti i convegni di Piacenza

Si aprono domani mattina, 17 maggio (e rimarranno aperti fino a venerdì 19) i cancelli della Fiera di Piacenza per Hydrogen Expo, la più importante fiera italiana dedicata all’idrogeno, con...

“Mireille” ha completato lo scavo. Festa a Sevran per la TBM di Webuild

Webuild e il partner francese NGE hanno completato l’ultimo breakthrough di “Mireille”, la TBM (Tunnel Boring Machine) che ha scavato una delle gallerie della Linea 16 del Grand...

More articles

Apex e IRE, tutto esaurito per lavoro in quota e noleggio in fiera a...

Il tutto esaurito a poco meno di un mese dall’inaugurazione è certamente un preludio al successopieno di una fiera già di primo piano. Con più di 225 aziende...

“Porte Aperte” nelle eccellenze produttive Federbeton

In questo mese di maggio, 17 i siti coinvolti, tra cementerie, impianti di calcestruzzo e stabilimenti di prefabbricazione, che si racconteranno alle comunità tra...

Unacea a Samoter: “Continua la crescita del mercato, macchine ancora su del 5%”

Apre in positivo il 2023 il comparto macchine per costruzioni che, con 5.313 mezzi da cantiere immessi sul mercato tra gennaio e marzo, chiude...

Tag