mercoledì, Gennaio 19, 2022

Le fonderie italiane cercano personale specializzato per consolidare la ripresa

Must read

La rete ferroviaria Adriatica si potenzia grazie a una nuova galleria

Rete Ferroviaria Italiana ha annunciato l'apertura della linea adriatica ai treni con sagoma P80 da Bologna a Lecce, grazie all'apertura di una nuova galleria...

Grandi opere, sbloccate dai commissari altre 44 infrastrutture

Era attesa con impazienza e ieri è finalmente arrivata, la seconda lista di grandi opere commissariate straordinari dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità...

PANOLIN HLP SYNTH 46 entra nella prestigiosa Fluid Rating List 90245

PANOLIN HLP SYNTH 46 è stato inserito nel Fluid Rating List 90245 di Bosch Rexroth, come avvenuto per PANOLIN HLP SYNTH 32 nel 2017....

A Piacenza premiati i vincitori degli ICTA – Italian Concrete Technology Awards

Nella serata di ieri, venerdì 9 novembre, nella splendida cornice della Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni di Piacenza, si è tenuta la cena...

Le fonderie italiane stanno vivendo un momento di ripresa dopo la crisi del 2020: lo conferma l’indagine congiunturale relativa al secondo trimestre 2021 elaborata dal Centro Studi di Assofond, l’associazione di Confindustria che rappresenta un settore da 1.000 imprese, 30.000 addetti, 6,5 miliardi di fatturato, che produce componenti intermedi per tutti i principali comparti della metalmeccanica.

L’indicatore di sentiment sui prossimi sei mesi conferma il valore di previsione di fine anno sulla variazione di fatturato rispetto all’anno scorso che, come nell’indagine precedente, si attesta al +21%. Le aziende che hanno risposto all’indagine prevedono, quindi, il pieno recupero di quanto perso nel 2020 a livello di fatturato (-17,9%), grazie a un livello di attività che, per la maggior parte delle imprese, è superiore o uguale a quello del periodo pre-Covid. Il 55,9% delle fonderie registra un incremento delle commesse su modelli già in deposito, un altro 44,1% dichiara di aver prodotto nuovi modelli e il 26,5% del campione ha acquisito nuovi clienti. 

Roberto Ariotti, presidente di Assofond

Un risultato che trova conferma nei dati relativi all’utilizzo di capacità produttiva (al 75,5%). «La prima metà del 2021 è stata complessivamente positiva – ha sottolineato il presidente di Assofond, Roberto AriottiCiò nonostante, siamo ancora alle prese con non poche criticità, che ci impongono prudenza: da un lato l’efficacia e la diffusione della campagna vaccinale, decisiva per permetter al mondo produttivo di proseguire questo trend anche in autunno, dall’altro, l’aumento del costo delle materie prime e la difficoltà di reperimento, che sta colpendo le aziende del settore mettendone a rischio la marginalità»

Scongiurato, invece, il rischio di un calo dell’occupazione: a un mese dallo sblocco dei licenziamenti, il 90% delle imprese associate ad Assofond che hanno risposto a un sondaggio informale proposto dall’associazione si dichiara in cerca di personale, con l’obiettivo di consolidare la ripresa nei prossimi mesi. 

Fra tecnici collaudatorioperatori di macchine utensiliaddetti alla progettazione o al controllo qualità, sono numerose le opportunità di lavoro qualificato offerte dalle fonderie: «Il lavoro che si svolge nelle nostre aziende – precisa Ariotti – è assai diverso rispetto alla percezione che molto spesso i ragazzi più giovani hanno delle mansioni tipiche della fabbrica. Oggi la realtà della manifattura italiana è quella di imprese che hanno automatizzato le attività più faticose e ripetitive, lasciando spazio invece al talento e alla creatività per quelle a più alta specializzazione. Una fonderia, nello specifico, può realizzare centinaia di componenti diversi, e deve rispondere alle richieste dei committenti, che sono alla ricerca di prodotti sempre più performanti. Questo significa fare ricerca in campo metallurgico per individuare le soluzioni migliori, avere la capacità di programmare macchinari anche molto complessi, saper affrontare ogni volta progetti anche molto diversi fra loro, alla ricerca del miglior compromesso fra prestazione e affidabilità del componente». 

A fronte dell’ampia offerta di lavoro, tuttavia, il 70% delle fonderie del campione intervistato da Assofond ha evidenziato grosse difficoltà nel trovare personale in linea con i profili richiesti. Il gap fra domanda e offerta – hanno sottolineato gli imprenditori che hanno risposto al sondaggio – dipende da molteplici fattori: da un lato il sistema scolastico italiano, che vede ancora troppo pochi diplomati negli istituti professionali, nonostante i settori di sbocco si caratterizzino per un bassissimo turnover e per importanti prospettive di crescita professionale. «Dall’altro – sottolinea ancora Ariotti – c’è un evidente problema politico, legato alle misure attualmente in vigore: il reddito di cittadinanza può essere, sotto certi aspetti, un disincentivo alla ricerca di un lavoro, ma io penso soprattutto al cuneo fiscale, che deve essere ridotto per permettere alle imprese di retribuire correttamente le proprie figure professionali senza comprometterne la competitività a livello internazionale. Questo è vero soprattutto per chi, come noi, si confronta spesso con concorrenti che operano in Paesi che non solo hanno un costo del lavoro molto inferiore, ma che si possono anche permettere di produrre senza l’attenzione alle tematiche di sostenibilità sociale e ambientale che invece contraddistingue da sempre le nostre aziende».

In Primo Piano

MCT Italy protagonista nella prefabbricazione infrastrutturale

Dal 1992, la soc. Crezza di Gordona (SO) opera nel mercato della prefabbricazione in calcestruzzo, offrendo prodotti destinati al settore delle infrastrutture, quali:...

Italgas e Buzzi Unicem: accordo per applicare il modello Power to Gas alle cementerie

Italgas e Buzzi Unicem hanno siglato un accordo per lo sviluppo di uno studio di fattibilità per la realizzazione di impianti Power to Gas...

Soluzioni Bobcat in caso di neve

La gamma di soluzioni proposta da Bobcat per la neve copre qualsiasi applicazione invernale, inclusa la rimozione di neve e ghiaccio su strade urbane...

Latest articles

MCT Italy protagonista nella prefabbricazione infrastrutturale

Dal 1992, la soc. Crezza di Gordona (SO) opera nel mercato della prefabbricazione in calcestruzzo, offrendo prodotti destinati al settore delle infrastrutture, quali:...

Italgas e Buzzi Unicem: accordo per applicare il modello Power to Gas alle cementerie

Italgas e Buzzi Unicem hanno siglato un accordo per lo sviluppo di uno studio di fattibilità per la realizzazione di impianti Power to Gas...

Soluzioni Bobcat in caso di neve

La gamma di soluzioni proposta da Bobcat per la neve copre qualsiasi applicazione invernale, inclusa la rimozione di neve e ghiaccio su strade urbane...

More articles

Buia al Governo: caro materiali, è la prima emergenza da risolvere o le imprese...

L'aumento dei prezzi rischia di fermare i lavori previsti dal Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza. A lanciare l’allarme sul caro materiali...

Webinar AIPnD: Applications of simulation for nondestructive evaluation of materials

Il secondo appuntamento del 2022 con i Webinar Tecnici AIPnD (Associazione Italiana Prove non Distruttive Monitoraggio Diagnostica e Laboratori di Prova Ente del Terzo...

Casseforme in schiuma stampate in 3D riducono l’uso di calcestruzzo

I ricercatori del Digital Building Technologies (DBT) dell’ETH di Zurigo, in collaborazione con la start-up svizzera FenX AG, stanno utilizzando la stampa 3D in schiuma (F3DP) per produrre...

Tag