Mapei aderisce al consorzio Cortexa

0
181

Mapei entra a far parte del Consorzio Cortexa, il progetto associativo che riunisce le più importanti aziende specializzate nell’Isolamento Termico a Cappotto in Italia, confermando il proprio impegno per lo sviluppo di un mercato dei sistemi a cappotto di qualità.  

Da quasi vent’anni, grazie alla sua esperienza nel mondo degli adesivi per l’edilizia, Mapei ha sviluppato un sistema di prodotti, denominato MAPETHERM, specifico per l’isolamento termico degli edifici e per diverse tipologie di interventi, dalla realizzazione di un nuovo cappotto termico al ripristino di un sistema esistente, alla posa di gres porcellanato su sistemi di isolamento a cappotto e per le applicazioni ad alto spessore. 

MAPETHERM, che nel 2004 ottiene il benestare tecnico europeo ETA 04/0061, sostituito nel 2017 dalla valutazione tecnica europea, si arricchisce nel corso degli anni di numerose tecnologie e soluzioni e oggi rappresenta un sistema completo, certificato in conformità alle più restrittive norme europee, sia a livello di sistema sia di singole componenti. Risponde, inoltre, ai criteri necessari per aderire ai benefici fiscali per la riqualificazione del patrimonio esistente. Il sistema è disponibile in molte delle 90 consociate del Gruppo Mapei presenti in 57 paesi nel mondo, tra cui Polonia, Ungheria, Grecia, Spagna e Portogallo. 

Con questa adesione Mapei intende rinnovare il suo impegno nella promozione di un’edilizia di qualità e sostenere Cortexa nel veicolare, diffondere e condividere la cultura dell’isolamento a cappotto mettendo a disposizione del consorzio le proprie competenze e la propria esperienza. 

“Siamo felici di aver aderito a Cortexa. Grazie alla nostra esperienza e alla qualità delle nostre soluzioni siamo certi di poter contribuire in modo significativo alla cultura dell’isolamento termico realizzato secondo gli standard che abbiamo sempre promosso e che oggi condividiamo con il Consorzio – ha commentato Marco Squinzi, Amministratore Delegato di Mapei -. Siamo certi che da questa adesione possano nascere importanti sinergie tra i consorziati sulle azioni di efficientamento energetico in edilizia e sull’abitare sostenibile, utili a ridurre le emissioni di gas climalteranti e quindi realizzare la carbon neutrality”.