domenica, Novembre 27, 2022

Il Crollo della Fiducia

Must read

La rete ferroviaria Adriatica si potenzia grazie a una nuova galleria

Rete Ferroviaria Italiana ha annunciato l'apertura della linea adriatica ai treni con sagoma P80 da Bologna a Lecce, grazie all'apertura di una nuova galleria...

Al Bauma la nuova betoniera autocaricante Carmix 45FX

All’edizione 2019 del Bauma, Metalgalante presenta in anteprima Carmix 45 FX, la nuova macchina che si unisce ai modelli Carmix 25FX e Carmix ONE...

Grandi opere, sbloccate dai commissari altre 44 infrastrutture

Era attesa con impazienza e ieri è finalmente arrivata, la seconda lista di grandi opere commissariate straordinari dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità...

PANOLIN HLP SYNTH 46 entra nella prestigiosa Fluid Rating List 90245

PANOLIN HLP SYNTH 46 è stato inserito nel Fluid Rating List 90245 di Bosch Rexroth, come avvenuto per PANOLIN HLP SYNTH 32 nel 2017....

Undici edifici collassati in 30 giorni dall’inizio dell’anno scolastico. Quello del crollo del soffitto dell’aula magna dell’Università di Cagliari è solo l’ultimo episodio in ordine di tempo, dopo altri cedimenti gravi alla scuola elementare di Dello (Bs), alla media Gennari di Maratea (Pz), all’elementare Vittorino da Feltre di Adria (Ro), nell’istituto Fermi-Leonardo da Vinci di Empoli, in quello di via Agnano a Napoli, nella palestra della Muratori di Castiglione d’Adda (Lo), nell’ateneo di Fisciano (Sa), alla scuola elementare di via Fiuggi a Roma, alla primaria Doria di Vallecrosia (Im), al Liceo Cavour, sempre nella Capitale (che di eterno ormai conserva solo il passato glorioso di una solida bellezza dimenticata).

Li elenchiamo tutti, questi disastri dell’incuria amministrativa e di quello che Silvio Cocco, una delle figure che fa da avamposto al calcestruzzo nazionale, denuncia da decenni come il “cattivo costruire”. Solo per un caso, a Cagliari non si è giunti all’immane tragedia e il sequestro di tutto il polo umanistico del capoluogo sardo, tra via Is Mirrionis e via Trentino, vorremmo che portasse ai colpevoli di questa abiezione. I sigilli sono stati apposti, su incarico della Procura, dalla Squadra mobile della questura di Cagliari (in collaborazione con la Asl e i vigili del fuoco) e le indagini, con i primi accertamenti per verificare la tenuta strutturale dell’intero blocco, potrebbero rivelare già le storture strutturali dell’edificio e confutare i primi – scontati – scaricabarile a colpi di “era imprevedibile”, “è stato fatto tutto il possibile”, “i controlli non avevano rilevato nessuna problematica”.

Se l’edificio universitario è praticamente collassato su se stesso, lasciando come rovine antiche a testimonianza solo la parte inferiore della facciata e le colonne portanti, non si può parlare ancora e pateticamente di fatalità, dovendo “ringraziare che questo crollo sia avvenuto a tarda sera, quando le lezioni erano già concluse”, come ha dichiarato il sindaco cittadino, anticipando la difesa dell’amministrazione con un classico “Facciamo tanti controlli sugli edifici e nonostante questo non sono mai sufficienti”. Se i controlli sono fatti a regola d’arte, e se le costruzioni sono realizzate come si deve, ogni elemento è sufficiente per salvare vite e costruzioni civili. Il problema è sempre lo stesso e assume varie facce, a seconda dei destinatari. Imperizia e disonestà (delle imprese costruttrici), acquiescenza (degli amministratori pubblici), disinteresse (degli uffici pubblici e di chi è preposto alla gestione e al controllo delle strutture). Poi, non ci si venga a dire che mettiamo sotto accusa le imprese. Non puntiamo il dito contro tutte le imprese edili, ma se questi disastri avvengono così di frequente, non raccontiamoci la favola che si tratta di poche mele marce. L’illegalità diffusa del costruire e l’avidità di guadagno a tutti i costi – persino a costo della vita altrui – ha fatto troppe vittime in questo paese, ferito da terremoti, crolli di palazzi, ponti spezzati, frane rovinose e via elencando, come in una veglia funebre senza fine.

Al “cattivo costruire” si aggiunge poi la strage infinita dei morti sul lavoro. L’ultimo a Castelverde (Cremona), nell’azienda MG Prefabbricati, nell’identità di un operaio schiacciato da una lastra di cemento. Si chiamava El Mustapha Bendahbi, aveva 50 anni ed era di origini marocchine. Forse un inconsulto movimento della gru che stava movimentando il carico, e poi la caduta del manufatto e la tragedia. Quali responsabilità? Quali rimedi? Come fermare tutto questo? Solo con l’onestà e la serietà del lavoro. Non con il risparmio di risorse, con la mancata formazione, con gli incentivi pubblici distribuiti a pioggia. Altrimenti, alla nostra eccellenza italiana finirà per non credere più nessuno. E qualcuno già non crede più, da tempo, all’alibi di quella creatività screanzata dell’arrangiarsi che finisce per ferire a morte una nazione di persone serie e per bene che ormai si sente minoranza. Nel Paese dei crolli.

In Primo Piano

Solids, nasce la nuova fiera per il mercato delle polveri e dei solidi sfusi

Si è tenuta mercoledì la conferenza stampa di presentazione della fiera “Solids”, dedicata alle tecnologie per granuli, polveri e solidi sfusi, che si terrà...

Coppia Tadano per la versatilità in cantiere di Autovictor

Gli investimenti di Autovictor sono sempre più indirizzati verso la creazione di un parco macchine moderno, efficiente e in grado di gestire con la massima produttività...

RoNet Plus di Romfracht, la fibra che assicura la durabilità del calcestruzzo

Dalla divisione Steel & Polypropylene fibers del gruppo rumeno Romfracht - con sede centrale a Bucarest - nasce la nuova specialità sintetica RoNet Plus....

Latest articles

Solids, nasce la nuova fiera per il mercato delle polveri e dei solidi sfusi

Si è tenuta mercoledì la conferenza stampa di presentazione della fiera “Solids”, dedicata alle tecnologie per granuli, polveri e solidi sfusi, che si terrà...

Coppia Tadano per la versatilità in cantiere di Autovictor

Gli investimenti di Autovictor sono sempre più indirizzati verso la creazione di un parco macchine moderno, efficiente e in grado di gestire con la massima produttività...

RoNet Plus di Romfracht, la fibra che assicura la durabilità del calcestruzzo

Dalla divisione Steel & Polypropylene fibers del gruppo rumeno Romfracht - con sede centrale a Bucarest - nasce la nuova specialità sintetica RoNet Plus....

More articles

Ci ha lasciato Teresio Massucco, grande cuneese delle costruzioni

Dopo la scomparsa improvvisa del cavalier Amilcare Merlo, un altro grave lutto colpisce il mondo dell’imprenditoria nazionale. Si è spento poche ore fa, a 81...

Addio ad Amilcare Merlo, il Cavaliere dell’industria italiana nel mondo

Si è spento stamane Amilcare Merlo, 87 anni, fondatore e presidente del Gruppo Merlo di Cervasca, tra le aziende leader mondiali delle macchine da cantiere. Lo scorso...

50 cassoni in c.a. per la nuova darsena del Porto di Civitavecchia

L'AdSP MTCS (Mar Tirreno Centro-Settentrionale) conferma il proseguimento dei lavori per il completamento della darsena servizi nel Porto di Civitavecchia. Con il supporto del...

Tag