Metso ha registrato un incremento delle vendite del 15% durante il 2019, che hanno fruttato al colosso finlandese € 3,635 miliardi di fatturato con vendite del quarto trimestre in aumento del 7% rispetto al precedente. I risultati hanno anche mostrato un aumento dell’utile operativo passato da € 351 milioni a € 418 milioni (da $ 386 milioni a $ 460 milioni), pari all’11,5% delle vendite. L’utile operativo per l’attività Metso Minerals è stato di 325 milioni di euro ($ 358 milioni).

Pekka Vauramo, Presidente e CEO di METSO

Nel corso del 2019 l’azienda ha preso quelle che essa stessa ha definito “due importanti decisioni strategiche”: l’acquisizione del produttore di frantumatori e vagliatori McCloskey e la parziale scissione per unire l’attività mineraria con la società tecnologica finlandese Outotec. Questo passaggio dovrebbe ricevere l’approvazione a livello normativo a giugno 2020.

“L’ultimo anno è stato per molti versi storico e trasformativo per Metso – ha affermato Pekka Vauramo in riferimento al bilancio della società – “Non solo: ha anche segnato un record nelle nostre prestazioni finanziarie, poiché le nostre vendite sono aumentate e la nostra redditività è stata più elevata che mai nella storia dell’azienda. Altri risultati significativi includono il lancio di molti nuovi prodotti e nuove iniziative in materia di sostenibilità. Ciò che contraddistingue i nostri nuovi prodotti è che sono progettati per soddisfare l’attenzione dei nostri clienti sul miglioramento della loro produttività. Per quanto riguarda la sostenibilità, abbiamo pubblicato il Metso Climate Program, che mira a notevoli riduzioni delle emissioni “.