Non infiammabile e atossico, il calcestruzzo contribuisce a ridurre i rischi in caso di incendio. Per sua natura durabile, ha limitate necessità di manutenzione con la conseguente riduzione di disagi e rischi legati ai cantieri. Il colore chiaro consente, inoltre, di contenere gli impatti legati all’illuminazione. Fra i vantaggi in termini ambientali si aggiungono la possibilità di produrre il calcestruzzo utilizzando materiali riciclati e di riciclarlo a sua volta.

In termini economici scegliere il calcestruzzo significa ridurre considerevolmente i costi di illuminazione e di manutenzione. Lo studio recentemente effettuato dal Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale della Sapienza Università di Roma quantifica un vantaggio economico tra il 20% e il 26% lungo il ciclo di vita dell’opera.
Per una galleria di 2.000 metri in 30 anni si ha un risparmio di 1,7 milioni di euro.

PER VEDERE LO STUDIO COMPLETO CLICCA QUI