Dopo l’incendio propagatosi martedì notte sulla pila 13 del nuovo viadotto che andrà a sostituire il ponte Morandi di Genova, il crono-programma potrebbe subire una dilatazione temporale. Le fiamme hanno colpito sia le impalcature che le casseforme, oltre naturalmente ad avere alterato il calcestruzzo già gettato. I tecnici di Salini Impregilo e Fincantieri sono già al lavoro per studiare la modalità di smontaggio delle impalcature, sulle quali non è più possibile salire per ragioni di stabilità. Poi, verranno compiuti gli esami tecnici sul calcestruzzo: è probabile che la porzione superiore della pila debba essere rifatta, con un possibile allungamento dei tempi di ricostruzione dell’infrastruttura di 15-20 giorni.