I dati sulla produzione di calcestruzzo preconfezionato in Italia sono confortanti. Atecap, l’Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato, ha reso noto (sotto forma di stime) che nel mese di maggio 2019 si è registrato un incremento del 15,6% rispetto ad aprile, quando i metri cubi prodotti in Italia erano stati 2.179.551 a fronte dei 2.519.503 del mese successivo (v. INFOGRAFICA ATECAP).

Dati un po’ meno positivi sono quelli riferiti allo stesso periodo dello scorso anno: rispetto al maggio del 2018 si registra una diminuzione del -5,8%, anche se per tirare somme conclusive bisognerà attendere i dati aggiornati al 31 dicembre di quest’anno.

Note non positive giungono analizzando nel dettaglio i numeri suddivisi per voci più dettagliate. Gli impianti di betonaggio sono passati dai 2.100 del 2017 ai 2.000 del 2018 (-0,5%), le imprese produttrici di calcestruzzo preconfezionato da 1.049 a 1.000 (-4,9%), gli addetti da 12.901 a 12.800 (-0,79%).