Sono state “svelate” ufficialmente nel dettaglio le varie fasi di rocostruzione del ponte Morandi. Archiviata la demolizione con l’uso dell’esplosivo, in cantiere si sta procedendo alla rimozione delle macerie. Ma adesso l’attenzione è rivolta più che mai verso il sorgere della nuova infrastruttura.

La travata continua che costituirà l’impalcato di acciaio sarà lunga 1.067 metri. Le 18 pile in cemento armato a sezione ellittica sosterranno la struttura. Saranno effettuati scavi per 80.000 metri cubi di volume e verranno impiegate 9.000 tonnellate di acciaio di armatura. La quantità di calcestruzzo utilizzata sarà di 67.000 metri cubi uniti a 15.000 tonnellate di acciaio in carpenteria metallica. La prima gettata di calcestruzzo è stata eseguita la scorsa settimana e attualmente si sta premendo l’acceleratore soprattutto per quanto concerne gli scavi. Il primo pilone di acciaio potrebbe essere installato entro Ferragosto.