Il MIT ha pubblicato la versione beta dell’archivio informatico nazionale delle opere pubbliche. Un passaggio atteso e importante nell’ottica del potenziamento della sicurezza delle infrasrtutture nazionali.
Con l’istituzione dell’Archivio Informatico Nazionale delle Opere Pubbliche (AINOP) presso la Direzione Generale per i Sistemi informativi e statistici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato perseguito il fine di conservare una serie di dati fondamentali di ciascuna opera pubblica, sia essa una strada piuttosto che una ferrovia o un ponte. Una sorta di scansione ai raggi X conservata per i molteplici utilizzi previsti. L’AINOP sarà consultabile in formato aperto da chiunque ne abbia la necessità. Non solo, ma sarà anche possibile far pervenire le proprie segnalazioni. L’archivio conterrà, per ogni opera, i dati tecnici, lo stato e il grado di efficienza, l’attività di manutenzione ordinaria e lo stato dei lavori
Ricapitolando, attraverso la piattaforma sarà possibile:

  • l’identificazione e la collocazione territoriale di ogni opera;
  • riunire tutti i dati e le informazioni presenti nei vari archivi pubblici sussidiari e concorrenti;
  • visualizzare dati, informazioni e documenti dell’opera, strutturati in una sorta di fascicolo virtuale;
  • ricevere informazioni che consentiranno il monitoraggio tecnico dell’opera, nell’ottica di prevenire criticità, anche attraverso sistemi intelligenti di alert sullo stato della infrastruttura;
  • individuare i possibili flussi di lavoro per rendere efficiente progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione dell’opera.
    L’obiettivo di AINOP è consentire un maggiore controllo delle opere pubbliche durante il loro intero ciclo di vita; controllo inteso sia in termini di monitoraggio sullo stato dell’infrastruttura fisica per la sicurezza dei cittadini e dei trasporti, sia in termini di definizione di un piano di azione in relazione alle priorità di intervento, favorendo semplificazione, celerità, accuratezza delle attività e tempestività degli interventi manutentivi e, al contempo, l’efficientamento della spesa pubblica.
    Il “fascicolo dell’opera”, nella sua globalità, fornisce gli elementi per individuare le opere da mettere in sicurezza con interventi ad hoc, classificandole anche in base alle priorità d’urgenza.
    Nel rispetto delle Norme vigenti in tema di privacy e di security, verranno pubblicati, in modalità open e in maniera progressiva di pari passo con l’alimentazione di AINOP, dati caratterizzanti le opere pubbliche, significativi nell’ottica di una migliore trasparenza delle attività di Governo.Tale versione del sistema informativo non è da considerarsi definitiva, ma viene messa a disposizione per valutarne l’utilizzo e le eventuali migliorie da apportare in fase conclusiva.