Efficienza, digitalizzazione e sostenibilità sono le tre parole chiave portate dalla Wacker Neuson all’edizione 2019 del Bauma. L’azienda, punto di riferimento anche per quanto concerne la lavorazione del calcestruzzo, ha sfoggiato la gamma di prodotti ad azionamento elettrico e a zero emissioni ma anche l’offerta di prestazioni digitali.

“E’ in atto un intenso scambio di idee con innumerevoli clienti, partner e potenziali clienti su queste nuove  tendenze e sulle molte novità dei nostri prodotti. La fiera rappresenta un successo per il Wacker Neuson Group“ ha dichiarato Martin Lehner, Direttore generale di Wacker Neuson Group.

Le superfici in calcestruzzo richiedono costantemente strumenti di altissima qualità. Ed è proprio questo che offre Wacker Neuson: vibratori interni ed esterni, stagge vibranti e livellatrici con tecnica intelligente, per risultati di elevato valore.

Con due prime mondiali nel settore zero emission, il Wacker Neuson Group ha consolidato la propria leadership innovativa in questo segmento. “Quest’anno a Bauma abbiamo constatato che molto spazio è stato dedicato ai temi dell’elettromobilità e delle trasmissioni alternative”, ha aggiunto Martin Lehner. “Questo ci fa piacere e ci stimola a proseguire costantemente il nostro percorso. Con lo studio tecnologico del miniescavatore EZ26e completamente elettrico della classe da 2-3 tonnellate e il primo vibratore interno ad alta frequenza a batteria per la compattazione del calcestruzzo, per il quale la già collaudata batteria Wacker Neuson per attrezzi è stata integrata in uno zaino, siamo riusciti a dimostrare che in futuro continueremo ad ampliare la nostra serie zero emissioni”.