La sicurezza dei ponti della città di Ravenna sarà monitorata costantemente da ben 350 sensori wireless. I rilevatori avranno il compito di controllare e segnalare ogni minimo movimento delle strutture dandone tempestivamente notizia agli enti preposti. La città romagnola diventa quindi una delle prime in Italia ad avvalersi dell’utilizzo di questa tecnologia in modo così massiccio. Altre città sono in procinto di seguirne l’esempio. Segno di come, soprattutto negli ultimi tempi, la tematica della sicurezza e dei rischi ad essa connessa abbia acquisito sempre maggiore rilievo. Dei 350 sensori che verranno installati a Ravenna, 250 avranno dimensioni importanti. Già allo stato attuale, oltre a tutto, il Comune investe la cifra di 300.000 euro in tema di sicurezza e prevenzione infrastrutturale. Il sistema in questione è già stato sperimentato anche in zone limitrofe alla città romagnola come per esempio il viadotto Puleto della E45. Il sistema wireless sarà utile per il monitoraggio del movimento e della deformazione dei ponti e verrà integrato con controlli su ferro, calcestruzzo e sollecitazioni già eseguite di default.